Morte di un gigante

image

“Lasciate che saluti quest’immenso
su cui Eolo soffia i suoi respiri
e Proserpina, col suo profumo intenso
viene e va, tra lacrime e sospiri.
La, sui monti musica incantata
suona Pan, antico Dio caprino.
Suona e bacia sua Siringa amata,
sotto il manto d’oro del mattino.
Sento corpi fragili e tremanti
tra le braccia di legno duro e forte,
che con me, tra un battito d’istanti,
tra le braccia cadranno, della morte.
Già vacillo a metallici rumori…
…Addio cielo di nubi ricamato,
dove pianti d’aerei genitori
come sindone ricoprono il creato.”…
…Nell’immenso, tra le risa e le parole
cade il vecchio, con un urlo muto.
Piange il bosco quell’antico cuore.
Ferma il suono, l’antico Dio cornuto….
…Nel silenzio,da quel corpo buono
grida un gemito che all’infinito sale:
” Madre mia, imploro il tuo perdono,
se cadendo io ti ho fatto male

Annunci

2 pensieri su “Morte di un gigante”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...