L’autunno dentro

 

 

Nel silenzio di questo percorso
sento l’urlo di chi mai fu ascoltato
Sento il male del sadico morso
di un padre d’amore e peccato

Tra le foglie color del dolore
che la terra abbraccia e trangugia
striscia bieco ancora il rancore
per chi deluse l’ingenua fiducia

Nere nubi di infidi uccelli
sputano  aridi accordi:
Son le voci dei miei tanti fardelli,
le grida di oscuri ricordi

Nel fango proseguo a fatica
questa strada di mete distorte
e cerco tracce di vita
mentre ovunque germoglia la morte.

 

 

 

 

 

Annunci

4 pensieri riguardo “L’autunno dentro”

  1. Terra ferita, terra inaridita come la pura fiducia dell’animo spontaneo..ma una ricerca di vita continua e persiste tra le tracce di morte. Molto bello.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...