Archivi categoria: Neve

Tole’:ricordi d’inverno

image

Fiorisce il campanile di petali sonanti
Borbottano profumi di magico calore
Nel camino bruciano ricordi scoppiettanti
Il ciel semina chicchi speziati di candore

La torta alla mostarda sa di nonna Enrica
La salsa colorata mi parla della zia…
…La zia che bella mora! La zia che brutta vita!
Rincorse un vecchio amore e questo volo’ via…

…Le sorelline ed io col naso contro i vetri
“Ma, quanta neve , quanta! Qui non smette più!”
“Saranno più di sei, o forse sette metri…”
“Come gli eschimesi vivremo negli igloo”

Poi a ridere serene davanti al bianco immenso
Qui tutto sa di pace e di famiglia vera
Mentre il ciel ricopre di uno strato denso
il mondo che ci guarda e par diventi cera.

Tole’,  

quanto tempo!…Mille anni or sono!

Stille di un ricordo color di bianca neve.
Io ti sono grata poiché tu fosti buono,
mio piccolo paese, paterno mio presepe,
mi donasti giorni di placido candore,
unici ricordi vissuti nell’amore.

La sposa

image

La sposa taglia il vestito
e getta i brandelli sul mondo
gridando al rozzo marito:
Mi basto e completo. Io abbondo

di tutto ciò che ti manca
Regina sol di me stessa,
ne nera, ne rossa, ne bianca,
Imperatrice e papessa

prevedo ciò che sarà
Io lupa, Fata e megera,
Madre dell’uomo e si sa
utero di terra nera

La sposa taglia il vestito
e nuda libera e lieve
danza sul mesto marito
ricoprendolo d’algida neve.

Neve

image
Schegge d’innocenza lentamente
ricoprono un mondo di dolore
Algido imene d’antica Dea immanente
sotto cui rinasce tutto ciò che muore

Sicuro affonda il piede
senza alcun pensiero,
un gigante dal volto di fanciullo
Dietro ad esso tutto e’  ormai nero
Davanti a lui ormai e’ tutto brullo.

Schegge d’innocenza lentamente
ricoprono un mondo di dolore
Ride il gigante, bimbo impertinente, 
stupra  la Madre, ne divora il cuore.
Eiacula vittoria e nel mentre
divora vita e lentamente
muore.