Archivi categoria: #madre tortura

Preghiera alla Madre oscura

image

Siamo gli aborti che tu partoristi,
demoni,vittime di angeli buoni.
Poveri diavoli, poveri cristi
Spruzzate improvvise di maschi coglioni

Tu sei la Madre oscena ed oscura
Colei che ci diede a un ventre malato,
Nostra Signora della Tortura,
Madre matrigna del frutto avariato.

Ti ho vista sbavare, cagna rabbiosa,
graffiare carni di teneri infanti,
leccarti la mano, vile viziosa,
senza dolore, senza rimpianti.

Mi genufletto, bambina impaurita,
imploro i tuoi baci, imploro il tuo bene
Sono tua figlia, son carne, son vita
non solo il vomito improvviso, di un pene.

… E dopo anni ancora ti cerco
oscura Madre di pianto e dolore,
illusa scavo nel fetido sterco
per ritrovar un tuo gesto d’amore

BulimicaMente tossica

image

 

Che ne sapete dei miei profondi vuoti
Dei miei inferni, le mie desolazioni
Di una famiglia di scarafaggi e topi
Di miseria e violente punizioni.

Ho provato a ingoiar tutto l’amore
che cerco’ quella bimba maledetta,
ma la colpa mi distrugge ed il mio cuore
lo risucchia e di colpo lo rigetta.

Madre dimmi, ti delusero poi tanto
quelle carni di fragili bambine?
Meduse dal fastidioso pianto
Portatrici di colpevoli vagine.

Padre, tu senza eredi maschi,
la tua pena io ricordo ancora
Mai un giorno ci fu che soffocasti
il tuo odio dentro la tua gola.

Ed il cibo divien l’unico amore
con cui voi nutriste questo corpo
Mi assopisce un attimo il dolore
e per un attimo sparisce ogni ricordo

Non ho tregua, ne pace. E’ una tortura
Da sempre mi amo e mi tradisco
Mangio e vomito, mistica lordura
e ogni volta rinasco e mi abortisco.

Autoritratto: l’urlo muto

image

Mi posero, una sera, sul balcone
col lungo gambo e il bel bocciolo esposto,
all’afa che sputava il sol leone
di un giorno di un infernale agosto
Figlia della terra e del concime
giocavo con la vespa e la falena,
Illusa di una gioia senza fine
vibravo con l’energia, serena.

Nel mio fiore un cuore di cristallo
Le radici fragili piedini
e quel vaso come piedistallo
che imponeva limiti e confini

Poi un di fui dimenticata
Ebbi sete e gridai il dolore.
La mia voce, voce inascoltata
di chi parla senza usar parole

Fu la morte, meravigliosa madre,
a seccare, con la mano ossuta
le giovani mie radici magre
assetate da mano conosciuta.

Mia e’ la storia di chi soffre muto
Di chi al mondo viene e nessuno vuole
Di chi vuole vivere e invano cerca aiuto
E implora, chiama, senza usar parole…